Car sharing, Bosco (LN): dall’Ass. Priolo mi aspetto una rottura al costoso monopolio di TPER ma Colombo glissa

Pagare per avere un pessimo servizio affidato con un monopolio de facto a TPER anziché incassare aprendo ai privati che offrono un servizio competitivo e apprezzato dall’utenza. Questa la posizione su cui la Giunta bolognese si è arroccata per anni, forse per meglio intercettare e veicolare i fondi ministeriali verso la controllata atc che poi ha ceduto il passo a tper.
Nella speranza che l’assessora Priolo possa rappresentare una rottura con logiche che hanno caratterizzato il vecchio mandato, ho presentato un ordine del giorno a trattazione immediata con il quale affidavo alla Giunta un mandato esplorativo per valutare i modelli alternativi di car sharing che in altre città stanno spopolando. Nonostante il plauso ricevuto da molti colleghi, anche della maggioranza, la stessa, per bocca di un imbarazzato ex assessore Colombo al quale fischiavano le orecchie, ha deciso di rimandare il documento in commissione.
Proprio mentre in comune di appresta ad assumere costosi specialisti anche in materia di car sharing, sarebbe stato auspicabile che il consiglio indicasse la direzione. Prendiamo atto che il cameratismo ancora una volta ha prevalso rispetto agli interessi della città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.